1° Maggio 2012

primo_maggio_romaOggi primo Maggio, la festa dei disperati, dei disoccupati, dei morti ammazzati. Frutto di una politica scellerata e di un sistema economico distruttivo, voluto dalle banche in tempi non sospetti. Il mio augurio e che tutto questo finisca presto e che finalmente si possa vivere nel modo in cui ogni uomo si aspetta e merita. Senza classi sociali, create apposta per dare vita a un progetto dittatoriale dove a comandare sono in pochi e sempre gli stessi: banchieri, grossi industriali e politici. Una politica massonica che ha il fine di generare disuguaglianza e che a sua volta crei invidia, competizione, paura egoismo e dissociazione tra i popoli. Il miglior modo per acquietare le masse. Il mio augurio e che tutto questo finisca presto perché in fondo siamo tutti esseri umani. Non ha importanza il colore della pelle, la religione o la provenienza. La nostra forza nasce dall’essere uniti, per raggiungere l’unico importante obiettivo: libertà, sovranità e democrazia. Ingredienti che non appartengono a chi ci governa, usurpatori dei nostri diritti, ma a tutti noi, traghettatori del mondo. Auguri!

Franco Uda

Il blog di Franco Uda nasce dopo una breve ma ponderata riflessione. I motivi che mi hanno spinto a realizzare il blog sono molteplici, il più importante è senza dubbio la possibilità di pubblicare, volta per volta, le mie riflessioni e ciò che riterrò utile e doveroso, senza subire censure di nessun genere. L’augurio che faccio a me stesso è di un’ulteriore crescita culturale, attraverso lo scambio di idee e opinioni dei vari amici internauti con i quali avrò il piacere di interagire. Ulteriori informazioni sono disponibili all'interno del sito web, spazio dedicato all’autopromozione musicale, SoundCloud. Per saperne di più...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.