Occasione mancata?

opportunitàHo ragassi, attenti! Non siam mica qua a misurare quanto è profondo il mare con la cordella metrica!

A parte la frase in stile Bersani, penso che il Movimento 5 Stelle abbia perso una buona occasione per mettere in scacco l’intera classe politica. Dello stesso avviso Marco Travaglio, e lo spiega chiaramente con l’articolo “Autoscacco a 5 Stelle“. Sono molto dispiaciuto che il M5S non abbia colto l’opportunità che gli si è presentata davanti, paragonabile a un treno ad alta velocità che effettua fermate brevi e limitate.

Nei giorni scorsi avevo inviato un commento al blog di Beppe Grillo, attraverso il quale suggerivo la strategia da adottare convinto che il Presidente Napolitano non avrebbe confermato l’incarico a Bersani. Non sono stato ascoltato, ha prevalso il reiterato e laconico NO. Veniamo a ieri e alla scelta del Presidente della Repubblica di nominare un gruppo di “saggi” a cui dare l’incarico per sondare il terreno ai vari schieramenti politici, con la speranza di trovare una soluzione al black out istituzionale. Il momento per me più drammatico è stato quando i telegiornali hanno comunicato i nomi scelti da Napolitano, speravo sarebbero stati nomi di alto valore ed estranei alla politica ma mi sbagliavo, in quel preciso istante mi sono cadute le braccia.

commento

Come si vede il commento è molto chiaro: nessun accordo con i partiti! Mi sarei aspettato, come suggeriva la logica, una proposta di Governo Pentastelluto. Chiedere al Presidente Napolitano di incaricare il M5S per la formazione di un nuovo esecutivo è stato come se avessero chiesto a Berlusconi di consegnarsi, spontaneamente, alla magistratura. Sia chiaro, mi avrebbe fatto immenso piacere ma come era facile intuire, i vari esponenti politici, l’hanno subito bollata come richiesta irricevibile. La giusta strategia, per come la vedo, sarebbe stata quella di aprire un tavolo con il PD presentando loro una lista di nomi formata da personaggi di grande autorevolezza, estranei alla politica e con un grande senso di responsabilità verso i cittadini. Una proposta che Bersani non avrebbe potuto rifiutare, me ne sono reso conto durante l’incontro apparso in streaming. Purtroppo i capigruppo del M5S, Crimi e Lombardi, non sono sembrati all’altezza, senza entrare nel merito della gaffe nel paragonare l’incontro alla trasmissione Ballarò. Sarebbe stato sufficiente, come ho già detto, proporre un Governo a 5 Stelle in grado di portare avanti il programma del Movimento.

Piangere sul latte versato mi sembra una cosa inutile, vorrei spezzare una lancia a favore dei Parlamentari eletti nelle fila del M5S: non bisogna dimenticare che fino a un mese fa, queste persone, erano solamente dei semplici cittadini. Passi l’inesperienza ed anche il fatto che sono ancora acerbi, ma è d’obbligo non ripetere gli stessi errori. Ogni dichiarazione deve essere fatta con la dovuta cautela. Ho molto apprezzato l’intervento alla Camera di Alessandro Di Battista, vorrei che il M5S ripartisse da li. Alcuni politici ci hanno fatto vergognare di essere italiani, non voglio che accada di nuovo a causa di qualche componente del Movimento. Continuo a ripeterlo: occhio a ciò che si dice, si hanno gli occhi puntati contro. Ogni dichiarazione, ogni azione viene passata al microscopio, nasce piccola come un topolino, cresce fino a diventare grande quanto un elefante.

Franco Uda

Il blog di Franco Uda nasce dopo una breve ma ponderata riflessione. I motivi che mi hanno spinto a realizzare il blog sono molteplici, il più importante è senza dubbio la possibilità di pubblicare, volta per volta, le mie riflessioni e ciò che riterrò utile e doveroso, senza subire censure di nessun genere. L’augurio che faccio a me stesso è di un’ulteriore crescita culturale, attraverso lo scambio di idee e opinioni dei vari amici internauti con i quali avrò il piacere di interagire. Ulteriori informazioni sono disponibili all'interno del sito web, spazio dedicato all’autopromozione musicale, SoundCloud. Per saperne di più...

I commenti sono chiusi.